Gabriele Arcangelo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amatissimi figli di Dio,
non sono qui per volere mio ma per volere di Chi mi ha mandato.
Sono un angelo al servizio del Signore: il mio nome, come ogni angelo possiede in precise mansioni, è Gabriele. Un tempo, più di 2000 anni or sono, venni qui sulla terra come inviato da Dio per annunciare a Maria la lieta novella in veste di umile servo del Signore e anche oggi sono qui come inviato da Lui per annunciare la Sua Santa Volontà: Dio Vostro Padre vuole chiamarvi tutti a raccolta perchè c'è bisogno di conversione nel Nome del Suo Amatissimo Figlio Gesù morto e risorto per tutti voi.
In troppi, oggi, l'hanno dimenticato, come hanno dimenticato la Sua Parola di Salvezza contenuta nel Santo Vangelo!
Vedo troppe anime di Dio perdersi nell'esistenza terrena. Le chiese sono sempre meno frequentate, i giovani sempre più distanti da Dio e la Sua Parola, unica fonte di salvezza, ascoltata ormai solo da pochi!
Il mio incarico è stato deciso tempo fa da Dio Onnipotente, Creatore e Signore di tutte le cose visibili e invisibili e solo Lui deciderà quanto ancora durerà questo mio compito accanto all'essere umano che umilmente mi fa da referente; dirò tutto quanto Dio Onnipotente, Nostro Creatore e Vostro Padre, unitamente al Figlio Gesù, vuole che sia detto per la vostra salvezza, secondo la Sua Indiscutibile e Santa Volontà. Maria, inviata da Dio, nelle sue numerose apparizioni, ha intercesso tante volte per voi: non dimenticatelo.
L'Immensa Misericordia Divina vi dona anche oggi speranza e parole di salvezza. Dio vi vuole parlare: ascoltatelo.
Vi sta tendendo la Mano.
Già un tempo questa mia presenza nell'umanità era stata preannunciata dal Figlio di Dio, Gesù. Mi riferisco a quanto Lui disse e riportato nel Vangelo di Giovanni, a proposito di questo mio umile compito al Suo e vostro servizio che anche oggi si realizza nella realtà umana:

" Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà. "

Ricordate uomini del Signore: nulla è impossibile a Dio!
Sia lode a Dio Padre, Figlio e Spirito Santo ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Gabriele Arcangelo saluta e benedice in JHS

3 Febbraio 2003
(Data della prima manifestazione)

 
 
 

LA LOCUZIONE INTERIORE

Il teologo A. Tanquerey definisce il fenomeno della locuzione interiore così:
"La locuzione interiore è una manifestazione divina sotto forma di parola intesa dai sensi esterni ed interni o direttamente dall'intelletto umano. Esse sono parole o di Gesù o della Madonna o dello Spirito Santo chiarissime, avvertite dalla persona che le riceve come se nascessero dal cuore, e che, collegate fra loro, formano un messaggio".

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu