Messaggi di attualità - Gabriele Arcangelo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Messaggi di attualità

Gabriele Arcangelo riferisce all’umanità un messaggio di Pace dettato il 25 Dicembre 2005 dal Padre Celeste, Dio Onnipotente in cui parla all’umanità di questo terzo millennio

“ In occasione del Santo Natale, unica vera e lieta ricorrenza in cui salutate l’avvento nel mondo della Parola di Dio nell’Incarnazione di Mio Figlio Gesù fatto uomo, voglio oggi donarvi il Mio messaggio di pace e di amore che dovrete serbare nel cuore per essere ancora una volta annoverati quali figli di Dio.                                                                                            
Un tempo Io, vostro Dio avevo concesso un regalo all’umanità per la venuta del Mio Amato Figlio tra voi. Ora che i tempi della sua incarnazione morte e resurrezione si sono compiuti, oggi voglio donarvi ancora una volta, un grande prodigio: il giorno dell’ambito dono offerto a voi tutti dal Padre Celeste, è questo che vado ora a spiegarvi. Avevo promesso, nelle Mie profezie, una grande croce di luce, una croce che, oggi, abbraccia la Mia amata terra di Russia, una croce che illumina la mente di tutti coloro che si sono affidati alla Mia Volontà, con quell’abbandono che solo il Figlio Mio diletto, Gesù, ha saputo donarvi nella sua santa e sofferta esistenza. Mi riferisco, con questo, anche alla Mia amata Terra d’Israele, a quella terra che ha ricevuto il grande onore di accogliere il Mio Amato Figlio per la sua prima venuta che, come ben sappiamo, non è stata allargata di benvenuto, ma di martirio. Io dono a voi tutti, uomini del mondo, oggi, la Mia croce di Luce sapendo di non deludere le aspettative di coloro che attendevano tale segno nella volta delle stelle e del cielo sulla terra anche se Io vi sto offrendo questo Mio segno luminoso, nel cielo dell’anima.
Io, il vostro DIO disegno oggi tale croce partendo da una terra sofferta e ancora indurita dall’opposizione alla Mia presenza. Una terra fatta di presunzione nel non voler, ancora oggi, accettare il Mio Amatissimo Figlio Gesù con durezza del cuore, una terra, questa, attraversata da grandi tormenti! La Terra di Russia, per la quale Maria ha tante volte pianto e tante volte sofferto nel sapere che un giorno grandi sofferenze si sarebbero abbattute su quel popolo!                                                                                                  
Io, Dio Onnipotente, ora accendo il primo cero di luce divina su Mosca, capitale della terra russa, Mio primo obiettivo di redenzione nel nome di Cristo Gesù Salvatore!

Russia, inginocchiati e prega: Io, il tuo Unico e Vero DIO,
OGGI QUESTO TI CHIEDO!

Sappi che erano maturati per te giorni di sangue e di grandi tribolazioni nelle tue parole di negata accettazione della grande e sacra bontà del Cuore Immacolato di Maria! Anche se tu non hai mai accettato la sua opera donata da lei a Fatima, nel tuo nome per richiamarti alla redenzione, sappi che la sua bontà ha toccato anche il Mio Cuore, ed Io ora, non permetterò più a Satana di avere vittoria sulla tua gente varando il suo più spietato gesto di violenza che aveva preparato contro di te, terra russa! Grazie a Maria, oggi, Io Padre Celeste con grande perdono per l’umanità, dono oggi un gesto di Misericordia verso quel popolo tanto provato dalle sofferenze della storia e della vita, partendo proprio dalla sua capitale. Che il mio primo cero, parta proprio da tale città, da Mosca capitale!
Il secondo cero di luce divina voglio ora accenderlo su Gerusalemme, terra tanto dilaniata e pervasa da guerre, attentati e sapienti opere di violenza messe a punto dalla crudeltà di Satana. Il Mio, è un grande gesto di perdono che Io voglio donare al popolo di Israele per non aver saputo mai inginocchiarsi dinnanzi al Salvatore Gesù, Mio Amato Figlio. Questo è il Mio Perdono, Terra di Israele, il più bel perdono che il Tuo Dio, Padre Onnipotente, oggi ti dona affinché tu riceva la Grazia e la gioia di ottenere la salvezza con la Grazia della pace, quella pace che oggi, stai ancora inseguendo. SHALOM ISRAEL, SHALOM: ADONAI ELOIENU, ADONAI ECHAD! Pace Israele, Pace nel nome del Dio Unico e del Figlio Gesù!
Il terzo cero di Luce Divina, risplendente più che mai, lo accendo su Fatima, terra che ha accolto l’apparizione della dolce Maria, Madre del Mio Amato Figlio. Lei che ancora oggi vi sta aiutando con tanta bontà e generosità, nella consapevolezza che la sua cara umanità, fino a poco tempo fa, stava per essere travolta da un piano crudele e spietato messo a punto da Satana! Mai, si sarebbe potuto attuare l’avvento della seconda venuta spirituale della Sacra Parola di Gesù, Mio Amato Figlio, senza la totale dedizione e intercessione dell’Amatissimo Cuore Immacolato di Maria, che ha posto il suo Sacro Piede sul serpente demoniaco! Salve Regina, Madre di Misericordia, tu sei la stella di bontà, la luce della Grazia Divina, la Salvezza del mondo intero! Ti siano riconoscenti, oggi più che mai, tutti gli Stati e le potenze del mondo per quanto tu hai voluto donare alla tua tanto amata umanità! Sia sempre con te e per te, il Mio elogio ora e sempre per tutta l’eternità: GRAZIE, MARIA!

Il quarto ed ultimo cero di Luce Divina, lo voglio accendere su Medjugorje che ti ha accolto con tanta generosità e con tanta gioia, affiancandoti con un lavoro di tanta preghiera e dedizione assoluta da parte dei Miei amati angeli. Grazie anche a tutti voi, Miei amati fedeli che tanto avete offerto e tanto anche sofferto per contribuire alla riuscita di una Mia Santa Missione nel Nome Immacolato della Vergine Maria.                                                                                                                   

Scenda ora su voi tutti, popoli della terra, la Mia Divina Benedizione: nel nome del Padre, del Mio Amato Figlio,
Gesù e dello Spirito Santo. PACE, PACE, a tutti voi!
Questo è il dono che Io, Dio Padre,  
Vostro Creatore, oggi vi dona con tutto l’amore che si offre ai propri amati figli!“








 
Torna ai contenuti | Torna al menu